Cerca

Poetica delle mie illusioni

Poesie, aforismi e riflessioni by Chiara Carla N.

Carpe diem

Ho sempre saputo cogliere l’attimo, il problema è che non so tenerlo.

Annunci

Bushido

Il bushido, la via del guerriero, è il codice a cui è strettamente legato il Samurai giapoonese.

7 sono i principi da seguire col cuore e la testa:

  • 義, Gi: Onestà e Giustizia

Sii scrupolosamente onesto nei rapporti con gli altri, credi nella giustizia che proviene non dalle altre persone ma da te stesso. Il vero Samurai non ha incertezze sulla questione dell’onestà e della giustizia. Vi è solo ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

  • 勇, Yu: Eroico Coraggio

Elevati al di sopra delle masse che hanno paura di agire, nascondersi come una tartaruga nel guscio non è vivere. Un Samurai deve possedere un eroico coraggio, ciò è assolutamente rischioso e pericoloso, ciò significa vivere in modo completo, pieno, meraviglioso. L’eroico coraggio non è cieco ma intelligente e forte.

  • 仁, Jin: Compassione

L’intenso addestramento rende il samurai svelto e forte. È diverso dagli altri, egli acquisisce un potere che deve essere utilizzato per il bene comune. Possiede compassione, coglie ogni opportunità di essere d’aiuto ai propri simili e se l’opportunità non si presenta egli fa di tutto per trovarne una. La compassione di un samurai va dimostrata soprattutto nei riguardi delle donne e dei fanciulli.

  • 礼, Rei: Gentile Cortesia

I Samurai non hanno motivi per comportarsi in maniera crudele, non hanno bisogno di mostrare la propria forza. Un Samurai è gentile anche con i nemici. Senza tale dimostrazione di rispetto esteriore un uomo è poco più di un animale. Il Samurai è rispettato non solo per la sua forza in battaglia ma anche per come interagisce con gli altri uomini. Il miglior combattimento è quello evitato.

  • 誠, Makoto: Completa Sincerità

Quando un Samurai esprime l’intenzione di compiere un’azione, questa è praticamente già compiuta, nulla gli impedirà di portare a termine l’intenzione espressa. Egli non ha bisogno né di “dare la parola” né di promettere. Parlare e agire sono la medesima cosa.

  • 名誉, Meiyo: Onore

Vi è un solo giudice dell’onore del Samurai: lui stesso. Le decisioni che prendi e le azioni che ne conseguono sono un riflesso di ciò che sei in realtà. Non puoi nasconderti da te stesso.

  • 忠義, Chugi: Dovere e Lealtà

Per il Samurai compiere un’azione o esprimere qualcosa equivale a diventarne proprietario. Egli ne assume la piena responsabilità, anche per ciò che ne consegue. Il Samurai è immensamente leale verso coloro di cui si prende cura. Egli resta fieramente fedele a coloro di cui è responsabile.

Attualmente ne ho tatuati 3: rispetto (o cortesia), Compassione e coraggio, prima o poi li tatueró tutti e 7. Sono i principi che ha adottato il guerriero della luce, sono i miei principi.

comparazioni

Per me sei come le ninfee per Monet.

Potrei guardarti ogni giorno della mia vita e trovare qualcosa di bello da guardare ogni volta.

A saper disegnare, ti disegnerei.

A saper suonare, ti comporrei.

Ma so cantare e con la mia voce canto le emozioni che susciti in me. Sei suono distinto. Vocalità pura. Nota sullo spartito del mio cuore.

Cuore malato

tu
battiti di un cuore senza battiti
occhi innocenti senza innocenza
labbra desiderose senza desiderio
mani calde senza calore
anima sognante senza sogni

Tu
anima errante di un corpo senz’anima
vaghi nei miei pensieri nutrendoti
di tutto ciò che ti offre la mente.
banchetta pure
saziati
lasciati riempire di me
lascia che i miei pensieri diventino tuoi
lasciami impazzire
cuore malato,
dal giorno del principio mi tieni tra le tue grinfie
stretta a te
potessi almeno diventare carne della tua carne
che la distanza che ci separa è un respiro
potessi almeno dimostrarti che queste mani sanno cambiare il destino
lavorano per te
divorami l’anima
fammi tua!

Folie

Non posso fare a meno di amarti
tutto l’universo mi spinge a cercarti,
nelle notti del cuore più buie che mai
mi troverai a guardarti le spalle
a coprirti dal freddo
ad accarezzarti l’anima
e sarò sola con la mia follia
perché a crederci è rimasta soltanto lei.

La penna pronuncia parole che la bocca non sa scrivere.

Il guerriero della luce

Una piccola autoanalisi che potrebbe essere d’aiuto a chi, come me, si barcamena quotidianamente nei contrasti interiori, decidendo di agire comunque, prendendo una strada anziché un’altra… i contrasti ti lasciano immobili generalmente, impossibilitati nella scelta, ma a noi guerrieri della luce piace vivere e quindi scegliere e quindi agire e quindi sconvolgere positivamente la vita di chi abbiamo accanto, perché i guerrieri della luce hanno il potere di trasformare radicalmente tutto quello che toccano e lo fanno con il cuore… per mezzo della ragione!

Ancor prima di leggere Coelho, già utilizzavo l’espressione “Guerriero della luce”, mi piaceva moltissimo, sentivo di aver trovato la descrizione perfetta per me stessa. Per me, il guerriero della luce è colui che cela dentro di sé i contrasti più opposti che ci siano: morte e vita, ragione e sentimento, gioia e dolore, intelligenza e stupidità, sogno e realtà, e così via, ma nonostante ciò, riesce a vivere in maniera costruttiva e positiva, lottando ogni giorno con il sé opposto che vorrebbe una scelta di vita diversa. Si parla di estremi qui, non di dubbi o caratteristiche di poco accentuate, ma di persone che vivono entrambi gli opposti con identica intensità senza impazzire, perché il rischio è proprio questo, non reggere più se stessi e impazzire, o peggio ancora decidere di porre fine alla lotta interiore…

Il guerriero della luce cercherà sempre di agire per il bene comune, andando anche contro i propri interessi, perché si nutre della positività da cui trae la forza creativa e d’ispirazione per sé e per chi ha accanto.

Talvolta, però, gli opposti negativi hanno la meglio nel suo cuore, allora il male è così grande che soltanto la morte potrebbe fermarlo, ma il guerriero della luce sa che ogni cosa ha inizio e fine, che ogni sentimento può cambiare, che la lotta è l’unico mezzo per resistere, allora riesce anche nell’oscurità più totale a trovare la forza di andare avanti, perché sa che dal suo cuore le persone traggono linfa vitale e non può permettersi di deluderle o di lasciarle sole o al buio.

Una lotta perenne per ogni piccola cosa: analisi, possibilità, progetti, scelte, tante scelte, non sempre giuste ovviamente, ma che hanno come fine ultimo il bene assoluto.

Desiderio

voglio toccare i tuoi sogni
sentirli agitarsi nelle mie mani
frementi
sentire la loro audacia prendere la via
sul mio corpo di donna
voglio toccare i tuoi capelli
morbida seta
che ondeggia voluttuosa
sul mio petto nudo
voglio toccare il tuo corpo
altalena senza corde
che si muove sulla mia terra
voglio toccare i tuoi seni
frutta deliziosa
da divorare con la bocca
voglio toccare le tue emozioni
accenderle in un increscendo
di note urlate.
Infine voglio toccare il tuo cuore
penetrare nei tessuti che danno
vita a tutto questo.

21 ottobre 2007

Il vento potrà anche farci oscillare, ma non riuscirà mai a dividerci, perché noi siamo alberi le cui radici sono impiantate nell’amore.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑